newsletter ai soci e simpatizzanti

dicembre 2013 gennaio 2014 num. 95/96

>> METTITI IN MOTO!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se vuoi sapere ci che faremo

vedi quello che abbiamo fatto

 

Durante le ultime vacanze natalizie, nel tempo rimasto libero dai nostri impegni di lavoro, abbiamo finalmente trovato il modo di riprendere in mano gli elenchi e le fotografie di gruppo dei soci che hanno partecipato alle molteplici iniziative che abbiamo realizzato insieme. Abbiamo poi aggiornato le relative pagine nel nostro sito, che erano diversi anni che non toccavamo pi. Il risultato di questa operazione di archivio ha lasciato senza parole anche noi. Escludendo dal conteggio i weekend e le attivit che sono state pi brevi di 5 giorni il totale impressionante: 1.862 presenze partecipanti con 1.243 moto a 94 nostre esperienze mototuristiche seguendo 33 diversi itinerari nel mondo

 

Esaminando il trascorso guardando ai soci osserviamo che ci sono alcuni di questi che hanno gi fatto oltre dieci tour, molti altri che ne hanno fatti pi di cinque, moltissimi che ne hanno fatti almeno un paio. Relativamente pochi al contrario quelli che dei tour con noi ne hanno fatti uno solo: andare in giro in moto in compagnia con la formula di Motovacanze.it piace di solito cos tanto . che poi una volta iniziato non si smette pi. quasi come se fosse una droga

Se guardiamo la nostra storia esaminando invece la tipologia di iniziative realizzate vediamo che solo alcune di queste sono state esperienze fini a se stesse, fatte una volta sola. La maggior parte sono state ripetute, sempre adeguate anno dopo anno alle mutevoli condizioni dei luoghi e delle strade, con il passaggio delle informazioni dei soci appena tornati a quelli che poi sono partiti dopo. Da un esame veloce vediamo che tra questi c un tour che arrivato ormai ad essere ripetuto quasi venti volte (vedi Transilvania Drum Bun in Romania), un altro che gi oltre la decima edizione (vedi Stella Rossa nei paesi dellex-URSS), uno che si avvicina a questo traguardo (Turchia orientale, nel 2014 saremo alla 9 edizione). La maggior parte degli itinerari sono alla 4 o 5 edizione

 

Tutta questa storia non solamente un valore aggiunto nella vita dei singoli soci che lhanno vissuta (i bei ricordi migliorano il presente di ognuno) e non solo una fonte di soddisfazioni immense per noi dello staff: : un patrimonio di esperienze e conoscenze condivise di valore inestimabile che pronto per il futuro dei tanti motociclisti che sono gi nostri soci e soprattutto a disposizione di tutti gli altri che vorranno chiedere di entrare pure loro a far parte del nostro club.

METTETEVI IN MOTO !!!

Il nostro programma 2014 sar ancor pi straordinario di quello che stato il 2013. Appena avremo tempo lo troverete tutto online (molto presto). Se intanto che lo aspettate volete passare 15 minuti piacevoli guardando oltre 400 nostre foto di gruppo scattate qua e l nelle parti pi belle ed interessanti del nostro pianeta cliccate qui

 

Dino Mazzini (il Presidente E.I.R)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pronti per la 2 edizione.

MOTOSLITTA IN FINLANDIA.

Da sabato 8 a marted 11 febbraio 2014.

12 soci iscritti. ADESIONI CHIUSE.

 

Lesperienza del febbraio scorso in Finlandia con le motoslitte era stata tanto entusiasmante che i soci che lavevano vissuta non avevamo potuto fare a meno di raccontarla agli altri in tutte le occasioni possibili. E cos, subito dopo la decisione sui programmi 2014 presa a Bologna nel workshop di novembre 2013, sono arrivate iscrizioni come se piovesse, anche se noi dello staff per mancanza di tempo non eravamo nemmeno riusciti a far sapere di questa idea nel nostro sito. Le iscrizioni allevento del 8-11 febbraio si sono quindi gi chiuse prima ancora che fossero ufficialmente aperte. Ma se qualcuno rimasto escluso volesse chiedere di andare anche lui in Finlandia nelle settimane successive, noi dello staff saremo disposti ad assecondarlo, lavorando per i soci per riproporre lo stesso programma ad esempio nei primi giorni di marzo. Fateci sapere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tornati dalla NUOVA ZELANDA, nella terra della grande nuvola bianca.

Dal 25 dicembre al 14 gennaio 2014.

 

Siamo appena rientrati dal Tour New Zealand. Come da aspettative, il tour stato avvincente. Ben 5.250 km di strade entusiasmanti. Il tempo, bench i primi giorni abbia piovuto un po, ci ha dato la possibilit di fare tutto ci che avevamo in programma. Il gruppo si trovato subito affiatato. Non ci sono mai stati problemi nella pianificazione delle giornate, e questo un aspetto molto importante. Tutti i partecipanti hanno colto perfettamente lo spirito di squadra, fondamentale per la buona riuscita del tour. Pochissimi gli imprevisti, risolti con soltanto qualche ora di tempo perso e tutto si aggiustato per il meglio.

Abbiamo festeggiato per primi sul pianeta, il capodanno in piazza a Dunedin, con una temperatura primaverile molto piacevole. Naturalmente i paesaggi sono stati allaltezza delle aspettative. Le strade bellissime ed il traffico quasi ovunque inesistente ci hanno permesso di viaggiare a medie anche elevate, (fuori dai centri abitati il limite di velocit fissato a 100 km/h).

Incredibile la quantit di corsi dacqua, dai semplici torrenti ai grossi fiumi, che si incontrano sullIsola del Sud. Non dimenticheremo mai le montagne maestose, i ghiacciai, i fiordi, le foreste pluviali, le praterie punteggiate di pecore, bovini, cervi, caprioli, conigli Il vento che soffia da ogni direzione, in tutto il paese, ci ha fatto capire perch si ama tanto la vela da quelle parti. Insomma la natura laggi la fa da padrona. Attraversare in moto quelle terre sicuramente il modo migliore per assaporarne latmosfera speciale e tutti i profumi

Spero tanto che molti altri soci di Motovacanze.it scelgano di partecipare alle future edizioni di questo meraviglioso Tour. Posso garantire che questa esperienza motociclistica lascer loro qualcosa di speciale dentro. Voglio ringraziare Giuseppe, Luca, Cristina, Maurizio, Mariangela e Marco per la collaborazione, la simpatia e per la piacevole compagnia, dimostrata durante tutto il tour. Grazie mille di tutto. Dario tour leader.

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un nuovo itinerario in moto da fare insieme.

SUDAMERICA : QUEBRADAS Y MISIONES.

Argentina, Bolivia, Paraguay, Uruguay.

Dal 14 febbraio al 2 marzo 2014

 

Quebrada y Misiones un esperienza preparata per chi non ha ancora scoperto lAmerica del Sud attraverso un approccio delicato con le bellezze che quella terra sa offrire. Un itinerario concentrato su sole 2 settimane proposto a febbraio quando laggi lestate matura e si prepara a cedere il passo allautunno. Ma allo stesso tempo pensato per chi invece dellAmerica latina crede di aver visto tutto e invece non ha scoperto ancora la severit delle Misiones Argentine, la bellezza assoluta delle Quebrade del Nord Ovest Andino e le meravigliose cascate di Iguau, spesso lasciate da parte perch troppo isolate dai classici itinerari motociclistici.. Un tour inedito che si snoda in una zona dellAmerica Latina a cavallo di Argentina, Bolivia, Paraguay ed Uruguay. Un percorso che tocca le bellezze nascoste delle Quebrade Andine, le citt coloniali boliviane e uruguaiane, le misteriose Misiones dellArgentina e del Paraguay, per non nominare le possenti cascate di Iguau che da sole valgono sicuramente di andare fino a laggi! Un circuito ad anello che parte e ritorna a Buenos Aires, effettuato con moto noleggiate in loco in una zona poco conosciuta e non toccata da turismo di massa, attraverso strade asfaltate e sterrati semplici, che segue i fiumi pi imponenti del Sud America e tocca le elevate creste andine. Detto questo non rimane che partire. ISCRIZIONI ENTRO E NON OLTRE IL 1 FEBBRAIO. Capogruppo: SIMONE CHIEREGATO.

Evento motociclistico con il supporto logistico ed in condivisione con MOTOTOURING

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una petizione da firmare assolutamente.

RIDUZIONE DELLE TARIFFE AUTOSTRADALI PER LE MOTO.

 

Era il 1990 quando per il calcolo dei pedaggi autostradali venne adottato il sistema assi-sagoma. Da quel momento, pur ricevendo minori servizi, consumando meno asfalto, inquinando meno e occupando meno spazio. il pedaggio per i motoveicoli venne unificato a quello degli autoveicoli. Fin dal 1991 il CM - Coordinamento Motociclisti ha protestato per questa equiparazione, richiedendo una tariffa diversa per i motoveicoli, come avviene in tutti gli altri Paesi Europei. Protesta che viene oggi proseguita dal Coordinamento Italiano Motociclisti, evoluzione del CM.

 

I motivi della richiesta sono i seguenti:

 

1) I servizi ricevuti dai motociclisti sono scarsi o nulli, comunque inferiori rispetto gli altri veicoli

2) Sono pochissime le aree di servizio con parcheggi dedicati, peraltro nessuna su iniziativa delle concessionarie, comunque spesso inadeguati

3) In caso di guasto quasi impossibile reperire un carro-gru attrezzato per il recupero di una moto

4) In caso di guasto le officine autostradali non sono in grado di intervenire su una moto.

5) Un motoveicolo ha un peso e una impronta a terra tali da creare una usura del manto stradale di gran lunga inferiore a quella di una autovettura.

6) In tutta europa i motoveicoli hanno costi di pedaggio autostradali ridotti rispetto alle autovetture. In alcune nazioni i motoveicoli sono addirittura esentati dal pedaggio.

7) I motoveicoli sono spesso usati come alternativa alle autovetture nelle aree urbane. Il loro impiego permette una diminuzione della congestione del traffico e dell'inquinamento nel centro di molte grandi citt, e la riduzione dei costi di pedaggio sarebbe un incentivo al loro utilizzo.

 

Le attuali metodologie di esazione consentono inoltre di differenziare i motoveicoli dagli altri veicoli, senza dovere fare modifiche o implementazioni alla infrastruttura esistente. Si possono usare contratti telepass dedicati oppure apposite tessere a scalare, metodi usati per concedere tariffe scontate ai pendolari su alcune autostrade. Il sistema assi-sagoma utilizzato anche in Francia, dove per stata contemplata una categoria specifica per i motoveicoli, con una tariffa dedicata. Non quindi per l'utilizzo di questo sistema che non possibile avere pedaggi meno costosi per i motoveicoli: solo questione di volerlo o non volerlo fare. Di conseguenza, per adeguare il pedaggio ai servizi ricevuti, per adeguare l'Italia alla situazione europea, per dare un corretto incentivo ad una mobilit alternativa, il Coordinamento Italiano Motociclisti richiede a tutti gli enti interessati di coordinarsi per dare una riduzione almeno del 50% delle tariffe autostradali per i motoveicoli. Le tariffe sono stabilite come costo al chilometro, e ogni autostrada ha costi diversi, per alcune autostrade sono molto pi alti che per altre. Malgrado ci, questo tipo di richiesta ha senso solo se fatta a livello nazionale, poich coinvolge tutte le autostrade e tutte le concessionarie italiane, e i pedaggi vengono stabiliti in modo centralizzato. Fare richieste relative solo ad alcune tratte autostradali fa perdere di efficacia la richiesta, e da modo agli enti coinvolti di dare risposte di comodo. Gli enti coinvolti nella gestione delle tariffe sono molti, e questo ha reso possibile dare risposte evasive a tutte le richieste che abbiamo fatto in questi anni. Ogni volta le risposte erano diverse, attribuendo a motivi sempre diversi l'impossibilit di avere un pedaggio specifico per i motoveicoli, creando confusione su chi dovesse proporre e chi approvare questo cambio di tariffa. Un incredibile scaricabarile. Quello che per vediamo come Ministero delle Finanze, Ministero delle Infrastrutture, ANAS, AISCAT, e tutte le concessionarie autostradali (sono 24 concessionarie diverse) abbiano ben chiaro chi debba proporre e chi approvare l'aumento dei pedaggi autostradali, che con scandolosa puntualit vengono imposti ogni anno.

 

Pertanto invieremo il risultato di questa raccolta firme ai seguenti enti: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Ministero delle Finanze, Concessionarie autostradali (tutte), ANAS, AISCAT, ai quali richiediamo che si coordinino per stabilire delle nuove tariffe ridotte per i motoveicoli, con la stessa capacit e solerzia che sanno dimostrare quando si tratta di aumentarle.

 

Per FIRMARE LA PETIZIONE CLICCATE QUI.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non perdete il numero di febbraio 2014 MOTOTURISMO 217

 

Sul numero in edicola in questi giorni saranno presenti due reportage firmati da quattro tra i pi grandi mototuristi iscritti al nostro club. Ivo e Annamaria vi racconteranno del loro giro in moto in ALASKA, Max ed Ede di quello che hanno fatto in SCOZIA. Sono due destinazioni che si possono affrontare anche singolarmente (la prima con qualche difficolt) e che faranno parte anche del programma delle iniziative di gruppo che sono nelle intenzioni di nostri soci per lagosto 2014 (ed alle quali sar possibile chiedere di aggregarsi, a breve sul sito saranno pubblicati entrambi i programmi )

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Unaltra meta singolare si aggiunta nel palmares del club. PINGUINOS

Concentracion motera Valladolid (Espana), dal 9 al 12 gennaio 2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Associazione Sportiva Dilettantistica Motovacanze.it

Via Verica 137 41026 Pavullo nel Frignano (MO)

Cell. + 39 347 3232412 Fax +39 0536 50556

info@motovacanze.it www.motovacanze.it seguici anche su

 

 

 

 

AVVISO PRIVACY DI INFORMAZIONI NON RISERVATE E MODALITA CANCELLAZIONE DALLINDIRIZZARIO NEWSLETTER

 

Questa novantaseiesima newsletter mensile da noi inviata a 17.245 indirizzi email ti e arrivata perche il tuo recapito e presente nella nostra rubrica di posta elettronica (anche se noi quasi sicuramente non ci ricordiamo piu perche). NON e intesa solamente per la persona a cui e diretta e NON contiene informazioni di carattere confidenziali o riservate. Sei quindi autorizzato a divulgare, copiare e distribuire questa e-mail a tutti quelli che vuoi. Piu la distribuisci e piu noi siamo contenti.. Se invece sei stato disturbato da questo invio, distruggi tutto subito prima che faccia danni, scusaci e per cortesia clicca qui

 

RISPETTA L'AMBIENTE: NON STAMPARE QUESTA MAIL !! (anche perche verrebbe stampata male).